Contattami

Triora, il paese delle streghe

Triora, il paese delle streghe arrow

Cosa vedere a Triora, il paese delle streghe

+ Indice degli argomenti

  1. La caccia alle streghe – La storia
  2. I luoghi delle streghe – la Cabotina
  3. Il Castello di Triora, il paese delle streghe
  4. La Via dietro la Colla
  5. Museo Regionale Etnografico e della Stregoneria
  6. Cosa mangiare a Triora, il paese delle streghe



paese delle streghe

Nella Valle Argentina che da Taggia, patria dell’oliva taggiasca, si inerpica per le montagne, a 800 m s.l.m. c’è Triora il paese delle streghe, uno dei borghi più suggestivi e misteriosi di tutta la Liguria.

Arroccato su un colle, tra una splendida boscaglia di ulivi e castagni, è molto noto a causa di un episodio accaduto tra il 1587 e il 1589.

In quegli anni si svolse il famoso processo alle streghe, (da lì il nome) con strazianti supplizi, assurde testimonianze ed un’incredibile caccia da parte di un esaltato commissario straordinario, culminante con l’emanazione di ben cinque sentenze di condanna a morte.

Condanne che non vennero mai eseguite per un motivo che vi spiegherò in questo articolo, ma alcune poverette morirono ugualmente in seguito alle torture subite, altre nelle carceri di Genova e di alcune non se ne seppe più nulla.

 

La caccia alle streghe – La storia

In passato Triora era una podesteria di Genova, e al capoluogo mandava il raccolto, fino a quando complice una grande siccità e la mancanza di alternanza di coltivazioni dei terreni, il grano iniziò a scarseggiare e a non essercene abbastanza da mandare al capoluogo.

Naturalmente per la carestia e la siccità abbattutasi sulla podesteria si doveva cercare per forza un responsabile. Iniziò così la ricerca di un colpevole e quale colpevole migliore delle donne, magari povere e un po’ semplici?

Sicuramente erano donne che sapevano usare le erbe per fare i decotti e per questo furono tacciate di stregoneria e torturate affinché ammettessero i loro malefici sul raccolto e facessero terminare la carestia.

Sottoposte alle più orrende torture, le povere donne finivano con il confessare colpe non vere e con il denunciare altre persone.

Il Commissario straordinario ingigantì talmente la questione tanto che arrivò una denuncia anche in capo ad una nobil donna.

Fu a quel punto che intervennero le autorità civili e religiose, fermamente intenzionate a mettere un freno alla situazione che oramai era sfuggita di mano al Commissario.

Fu così che ebbe fine la caccia alle streghe.

 

I luoghi delle streghe – la Cabotina

il paese delle streghe

Triora il paese delle streghe

Tante sono le storie che si sono tramandate fino ai giorni nostri.

Secondo la leggenda, le streghe erano solite riunirsi la notte per compiere i loro riti orgiastici con il demonio e preparare le loro misture micidiali.

Il luogo degli incontri era la zona dei fienili chiamata la Cabotina, subito fuori le mura del borgo, a ridosso dell’abitato

Oggi della Cabotina, luogo leggendario tra sacro e profano, rimane un rudere meta di visitatori incuriositi dalla storia originata da quei tragici anni.

 

Il Castello di Triora, il paese delle streghe

streghe Triora

Salendo per i caruggi si arriva alla fontana soprana, rivestita di lastroni di pietra, è senza dubbio la più antica e importante del paese ed è la base di partenza per la visita al Castello.

Da qui seguendo un acciottolato con la linea di mezzeria a disciplinare il transito, si sale su, fiancheggiando abitazioni secolari munite di robuste inferriate.

Del Castello non resta moltissimo ma la cinta muraria con quel che rimane del torrione, posto nell’angolo più elevato per meglio avvistare l’arrivo del nemico, mantengono intatto il loro fascino.

La Via dietro la Colla

Triora paese delle streghe

E’ la via che costeggia l’abitato, appena al di fuori delle mura fortificate.

Si narra che non bisognasse mai lasciarvi i bambini dopo il suono dell’ Ave Maria altrimenti sarebbero stati preda delle streghe che se ne servivano per i loro incantesimi. La Porta della fontana soprana che è quella meglio conservata, esce direttamente in Via dietro la Colla.

Il suo arco tondo, i cardini dello sportello del locale dove si riscuotevano le gabelle, oggi murato, alcuni resti della cinta muraria con le feritoie per respingere i nemici, sono indizi sufficienti per capire come fosse difficile entrare nel paese.

 

Museo Regionale Etnografico e della Stregoneria

Il Museo si trova nel vecchio Municipio di Triora, proprio all’inizio del paese ed è un vanto del borgo medievale.

La parte etnografica vera e propria è divisa in sei sale che rappresentano ognuna uno spaccato della vita dei campi.

Una sala ad esempio è dedicata al ciclo del castagno. il cui frutto ha rappresentato per lunghi anni il principale sostentamento di intere famiglie.

In una cucina, ricostruita secondo la tradizione, con il focolare e l’essicatoio, sembra di rivivere i tempi che furono; ci sono moltissimi oggetti appartenuti alle famiglie locali che sono stati donati al museo come una madia, una credenza, i lumi e un treppiede dove sembra debba accendersi il fuoco da un momento all’altro.

Non poteva mancare qualcosa che riguardasse le streghe e la loro persecuzione. Nei sotterranei sono stati allestiti ben quattro sale. Particolarmente interessante è anche la sezione archeologica del museo, dove sono esposti i reperti ritrovati nell’alta valle Argentina quali oggetti di corredo funerario, frammenti di vasi a bocca quadrata assieme a reperti ossei riferibili al neolitico medio (3800-3000 a.C.)

 

Cosa mangiare a Triora, il paese delle streghe

Triora streghe

Tra i prodotti tipici è molto conosciuto il pane di Triora, scuro e casereccio, preparato con farina e crusca.

Lo puoi acquistare direttamente dal forno che si trova poco prima di arrivare nel centro abitato sulla destra.

Sentirai il delizioso profumo di pane appena sfornato e apprezzerai il poterlo comprare direttamente al banco del forno come in una bottega di una volta.

La mia attenzione è stata catturata da un cartello apposto sulla vetrina che diceva: “Il pane non è mai duro, è duro non avere pane”.

Un prodotto artigianale che ben si sposa con questo pane è il bruzzo, una ricotta fermentata con le erbe dal sapore forte e deciso.

Appena arrivi in paese potrai entrare dalla Strega di Triora, un negozio sorprendentemente fornito di formaggi freschi locali, conserve di ogni tipo, confetture molto particolari.

Quando sono arrivata stavano preparando la Cubaita, il dolce tipico che consiste in un croccante di noci, nocciole e mandorle mescolate con miele e scorze d’arancia tra due ostie.

Potrai degustare i loro prodotti ed è lì che non ho saputo resistere ad una confettura di mele e lavanda semplicemente deliziosa.

Le nostre proposte

Un rifugio di benessere in Puglia: Ethra Thalasso Spa

Un rifugio di benessere in Puglia: Ethra Thalasso Spa

A partire da € 750,00 a persona

Durata del viaggio 4 giorni / 3 notti Numero di partecipanti 2 Dettagli




Richiedi Informazioni

Ultime News

ANSIA DA VIAGGIO?  BUTTATELA ALLE SPALLE E PARTI!

ANSIA DA VIAGGIO? BUTTATELA ALLE SPALLE E PARTI!

L'ansia, l'agitazione, la paura di visitare un posto nuovo e sconosciuto così come lo stress legato alla preparazione di un viaggio...

Scopri di più
VIAGGI DI NOZZE ON THE ROAD: IDEE ORIGINALI E METE DA SOGNO

VIAGGI DI NOZZE ON THE ROAD: IDEE ORIGINALI E METE DA SOGNO

Scopri mete da sogno e idee originali per un Viaggio di Nozze "On the Road" indimenticabile!   Siete pronti a trasformare il vostro...

Scopri di più
DA CATANIA A TAORMINA ITINERARIO IN 3 GIORNI

DA CATANIA A TAORMINA ITINERARIO IN 3 GIORNI

Itinerario di 3 giorni Catania e Taormina sono la partenza e l’arrivo per un bellissimo itinerario di 3 giorni all’ombra...

Scopri di più
LE TERME DEL SUD ITALIA E ISOLE

LE TERME DEL SUD ITALIA E ISOLE

Hai bisogno di dedicarti momenti di relax e coccole? Ecco il post che fa per te, ho raccolto le terme Sud Italia più famose dove an...

Scopri di più
LE MIGLIORI TERME NEL NORD ITALIA

LE MIGLIORI TERME NEL NORD ITALIA

Terme del Nord Italia: il benessere tra natura e storia L'Italia è da sempre una destinazione privilegiata per il turismo termale,...

Scopri di più
TRIORA, IL PAESE DELLE STREGHE

TRIORA, IL PAESE DELLE STREGHE

Cosa vedere a Triora, il paese delle streghe Nella Valle Argentina che da Taggia, patria dell’oliva taggiasca, si inerp...

Scopri di più
SICILIA OCCIDENTALE: TESORI, SAPORI E NATURA

SICILIA OCCIDENTALE: TESORI, SAPORI E NATURA

Benvenuti nella magica Sicilia Occidentale, una terra dalle mille sfumature che catturerà i tuoi sensi e ti regalerà un viag...

Scopri di più
LE TERME DEL CENTRO ITALIA

LE TERME DEL CENTRO ITALIA

Terme Centro Italia Quando la frenesia della vita quotidiana diventa opprimente, una breve fuga alle terme può essere la soluzione...

Scopri di più
FOLIAGE IN LIGURIA, EMOZIONARSI IN AUTUNNO

FOLIAGE IN LIGURIA, EMOZIONARSI IN AUTUNNO

I colori d’autunno trasformano ogni panorama rendendolo magico. Giallo, arancione, rosso, ocra e tutte le sfumature calde che sanno ...

Scopri di più
SICILIA ORIENTALE: COSA VEDERE TRA BAROCCO NATURA E SAPORI

SICILIA ORIENTALE: COSA VEDERE TRA BAROCCO NATURA E SAPORI

La magia della Sicilia Orientale: un viaggio tra mare, storia e cultura La Sicilia Orientale è un crogiolo di meraviglie che aspet...

Scopri di più